Nell’uovo pasquale ho trovato una fantastica sorpresa

Nell’uovo pasquale ho trovato una fantastica sorpresa
29 marzo 2018
Alessandro Mascoli

Ormai manca poco alla schiusa delle uova pasquali e per restare in tema ti propongo un gioco: What if. La logica di base è semplice, ci si chiede cosa accadrebbe modificando un elemento e si immaginano le conseguenze. Ad esempio cosa faresti se fossi allergico alla luce del sole? Questo è un esempio per entrare nel mood (giusto stato d’animo), di seguito troverai alcune “sorprese”, scegline una e immagina cosa succederebbe se la trovassi nel tuo uovo.

Sorpresa numero uno: la resilienza. È un termine che indica la resistenza a rottura e la capacità di un elemento di tornare alla sua condizione di partenza. La troviamo in tecnologia dei materiali e in psicologia con le opportune differenze. In psicologia si tratta della capacità di reagire a situazioni problematiche. Chi ha poca resilienza si costruisce una routine, esegue sempre le stesse operazioni, così facendo si mette al riparo da errori ed eventuali rimproveri.

  • Ti chiedo quindi come cambierebbe la tua quotidianità se accettassi gli errori senza battere ciglio? Domanda affascinante. È solo il primo cadeaux, avanti il prossimo.

Sorpresa numero due: la creatività. In passato ho scritto un articolo sulle differenze tra creatività, fantasia e invenzione, lo trovi qui. Si crede sia per pochi, frutto di un singolo istante in cui si viene avvolti da candida luce. Inutile dire che non è così. La creatività è come un muscolo, va allenato con metodo e rigore. Strano ma vero, una delle massime espressioni di libertà richiede una buona dose di costanza.

  • Come cambierebbe la tua quotidianità se fossi un creativo?

Sorpresa numero tre: la consapevolezza. Con-sa-pe-vo-léz-za, composto da con e sapere. Questa parola indica la condizione in cui la cognizione di qualcosa si fa intima, profonda. In psicologia (ci risiamo) si intende la percezione e la reazione cognitiva al verificarsi di una certa condizione o di un evento. Il pieno raggiungimento di tale stato porterebbe a vedere la realtà per quello che è, in una condizione di equilibrio permettendoci di vedere fatti positivi (e non) senza limitazioni o preconcetti.

  • Cosa cambieresti se avessi piena padronanza di quello con cui vieni a contatto? Agiresti come Eddie Morra, il protagonista di Limitless, o sei più sullo stile Neo di Matrix?

Il What if oltre ad essere una branca della narrativa fantastica (Ucronia), un modello per l’indagine scientifica e uno strumento per esercitare la creatività è usato anche in campo manageriale per valutare opportunità di business. Quello che poteva sembrare un passatempo ha in realtà numerose applicazioni.

Scegli la tua sorpresa e immagina una realtà alterata dalla variabile (resilienza, creatività o consapevolezza). Puoi anche prenderle in esame tutte e tre per vedere le differenze.

Sappi però che questi sono solo i primi di sette fattori che un brand deve possedere per avere successo, vuoi conoscere gli altri? Hai due possibilità, la prima è aspettare che esca un articolo completo sull’argomento, il secondo è scrivere una mail a [email protected]. Avrai in anteprima lo schema completo e un modello che ti permetterà di calcolare il livello dei fattori relativo alla tua impresa.

In un caso o nell’altro a presto e Buona Pasqua.

Scopri, progetta e cresci